Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Rappresentanze Sindacali Unitarie

News

home page > News e avvisi > News > Trattativa 3 dicembre 2013
05 Dicembre 2013 - 12:50    Stampa la notizia: Trattativa 3 dicembre 2013

News

Trattativa 3 dicembre 2013

Lo SNALS rischia di far saltare l'accordo sulla PEO
Grave danno per i lavoratori

La delegazione sindacale (RSU-OOSS) era riuscita a strappare all'Amministrazione, dopo il suo rifiuto a sottoscrivere il precedente accordo anche per il 2012, un impegno a proporre una nuova formulazione che garantisse comunque due elementi sostanziali: che la PEO non fosse sempre per gli stessi - nella convinzione che impegno e professionalità siano diffusi tra i nostri colleghi, a differenza di quello che pensa lo SNALS - e che, considerate le poche risorse destinate alla PEO, fossero avvantaggiati coloro che da più tempo aspettano una progressione. Questi due principi – peraltro sanciti dalle assemblee di Ateneo - sono stati sempre espressi chiaramente e condivisi da tutti al tavolo di trattativa e i risultati delle PEO del 2011 hanno confermato questa aspettativa.

 

All'inizio dell'incontro di trattativa del 3 dicembre, prima ancora che l'Amministrazione illustrasse la propria proposta Andrea Innocenti, a nome dello SNALS (?) presenta una mozione d'ordine, in cui dichiara la decisione di non firmare l'accordo. Motivo: aveva capito, per quanto nessuno l'avesse mai affermato, né avrebbe potuto affermarlo, che l'avanzamento ci sarebbe stato per tutti nel termine di 3 o 4 anni, dimostrando così di non conoscere affatto le modalità di formazione del fondo dedicato alla PEO.

Lo SNALS invece apprende (!!) che il completamento della PEO non è garantito e che, così rideterminata, avrebbe premiato solo un centinaio di colleghi, abbandonando gli altri al loro destino.

Con l’accordo siglato lo scorso anno i lavoratori che conseguiranno la PEO saranno molti più di un centinaio, il numero non dipende dal nostro accordo ma dal CCNL (fonte di discriminazioni) che tanto piace allo SNALS e nessuno abbandonerà gli altri, quando finalmente sarà rimosso il blocco alla contrattazione imposta dai governi.

Qual è l’alternativa che propone lo SNALS? Risposta: non ho alternative!!! Quindi meglio non farne di niente e non “finalizzare” le risorse, anche se poche, e lasciare che, in mancanza di accordo, siano utilizzate a discrezione dell’Amministrazione?

La parte pubblica, che pure era venuta al tavolo con una proposta che raccoglieva le due istanze sindacali sopra riportate, si è a questo punto trincerata dietro la pretesa dell’unità sindacale rifiutandosi a sua volta di sottoscrivere l'accordo, con un atto di grave misconoscimento del  forte peso rappresentativo della RSU e di tutte le altre Organizzazioni Sindacali favorevoli.

Senza questo accordo il risultato è che la PEO non sarà più un'opportunità per tutti, come invece dovrebbe essere garantito all'interno della stessa categoria, in cui i lavoratori -  indipendentemente dal livello economico - sono chiamati a svolgere le stesse attività.

Lo SNALS sta esercitando un “diritto di veto” concessogli dall’Amministrazione.
Il danno che lo SNALS rischia di fare ai lavoratori con questo atteggiamento è gravissimo.
Nei prossimi giorni saremo impegnati a riaprire un confronto per superare l’unanimismo invocato dal Direttore Generale allo scopo di continuare a tutelare i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori,  in attesa che questo paese alla deriva ritrovi la giusta strada: quella della reale attuazione della Costituzione.

RSU Università di Firenze 
FLC-CGIL Università di Firenze
UIL RUA
Federazione CISL Università di Firenze

Unifi Home page

Inizio pagina